Vai alla barra degli strumenti

Sprint Cycling

La storia

2001

Nasce (in formato UNI su carta riciclata) Sprint Cycling, il magazine fotografico pensato per tutti gli appassionati di ciclismo. La passione per la bicicletta, la voglia di mettersi alla prova e di raggiungere vette impossibili, sono gli elementi clou del magazine. Punto di forza di questi primi anni sono le figurine inserite all’interno dei vari numeri e la pubblicazione di album per la raccolta.

2003

Arriva Sprint Cycling su stampa patinata e 220.000 pubblicazioni in un solo anno. Nascono le prime cartoline di Sprint Cycling molto richieste dagli appassionati.

2014

Sprint Cycling entra nell’era digitale e approda su Apple Store e Google Play, nasce così l’app per dispositivi mobili, una nuova frontiera dell’editoria digitale!
Nuovi issue pubblicati nell’applicazione ogni 15 giorni, e durante il Giro d’Italia e il Tour de France, l’emozione raddoppia!
Un progetto editoriale in grado di proporre dei contenuti sempre nuovi e di stupire l’utente grazie agli scatti di Roberto Bettini, fotografo della Gazzetta dello Sport.
Il magazine digitale riceve il titolo di miglior App Consumer ai Mob App Awards della SMAU di Bologna.
A metà Dicembre del 2014 parte la pagina Instagram che in poco tempo diventa un pilastro importantissimo del progetto.

2015

Sprint Cycling ottiene una Special Star per la creatività e l’innovazione attribuito da Mediastars – Premio Tecnico della Pubblicità.
Per la prima volta esce anche con la versione in Inglese, raddoppiando quindi le le uscite.

2016

Con il primo numero dell’anno esce solo versione in Inglese e il totale della leadership supera i 100.000 contatti.
Ora questo magazine arriva sul web grazie a un sito ufficiale ricco di contenuti sempre aggiornati alla soglia del suo duecentesimo numero.

Il team

Direttore Generale Roberto Bettini

Ideatore, insieme a Giuliano Traini, di Sprint Cycling: il primo luogo di incontro tra gli appassionati di ciclismo e gli atleti che hanno fatto la storia di questo sport.
Fotografo di fama internazionale, nasce a Milano nel 1960, l’amore per il ciclismo inizia nel 1975 con la vittoria di Saronni al parco di Monza nella categoria juniores.
Negli ultimi quarant’anni Roberto Bettini segue le gare dei professionisti, le Olimpiadi di Atlanta e Sidney e diventa uno dei fotografi più noti del Giro d’Italia.
Dal 1999 lavora per la Gazzetta dello Sport e inizia a raccontare le tappe ciclistiche di tutto il mondo, inoltre ha pubblicato una ventina di libri sul ciclismo e vinto per tre anni il premio dell’ACCPI (indetto dai giornalisti sportivi della Lombardia).
Da più di dieci anni è il direttore di Sprint Cycling Magazine!

Direttore della fotografia Ilario Biondi

Il braccio destro di Roberto Bettini, nasce a Roma nel 1958 e inizia il suo viaggio racconto sul ciclismo nel 1983. Ha collaborato per quasi trent’anni con la rivista Bicisport come capo servizio, oggi lavora nell’agenzia Bettini Photo e pilastro importantissimo di Sprint Cycling.
Ilario Biondi ha raggiunto il record di 32 campionati del mondo consecutivi su strada e ha vinto nel 1991 il premio Diadora come migliore foto sportiva dell’anno.
Una delle sue passioni esagerate, oltre a quello della fotografia, è l’amore per i colori giallo rossi della Roma.

Vice direttore della fotografia Luca Bettini

L’erede di Roberto Bettini, 29 anni di creatività e professionalità, segue ogni tappa con determinazione e realizza degli scatti memorabili.
Tutto ha inizio nella scuola fotografica di Milano, che gli permette di trasformare la sua passione in lavoro. Inizia il viaggio in moto e segue le gare: Milano Sanremo, Giro delle Fiandre, Parigi Roubaix, Liegi Bastogne Liegi oltre che al Giro d’Italia, Tour de France, Vuelta Spagna ed infine i Campionati del Mondo su strada.
Luca Bettini collabora attivamente con molte riviste di settore italiane e straniere, le agenzie fotografiche internazionali Reuters, AFP e lavora a stretto contatto con Roberto Bettini per Sprint Cycling e la Gazzetta dello Sport.Per lui quest’anno esordio alle Olimpiadi di Rio dove il nostro giornale viene accreditato.


Dario Belingheri

È la new entry della squadra, gareggiava nella categoria elitè fino alla scorsa stagione ed ora in attesa di laurearsi segue le gare all’estero e quelle nazionali.

Lorenza Cerbini

Traduttrice

Altri collaboratori:
Antonio RossettoMoreno Nicoletti