Vai alla barra degli strumenti

ITINERARIO OPEN ART

Artista Carlos Atoche

Nato nel 1984 da madre argentina e padre peruviano, Carlos Atoche si avvicina subito all’arte attraverso il padre, scultore di maschere di legno. Successivamente, attirato a Roma dal patrimonio artistico e architettonico della città, si diploma in pittura all’Accademia di Belle Arti.
Durante gli studi si appassiona alla street art e scopre che proprio i murali rappresentano per lui lo strumento ideale per esprimersi e che dipingere in strada, favorire lì l’incontro tra arte e pubblico, significa legare l’opera al contesto e ai suoi fruitori.
Il suo stile è inconfondibile: si va dalle rivisitazioni, citazioni e “scherzi” di e con opere dei più grandi pittori del Rinascimento alle decontestualizzazioni subacquee di sculture classiche adagiate su fondali marini in compagnia di pesci tropicali.
L’artista Peruviano ama i “feticci” dell’arte dunque e non solo quelli classici come dipinti o sculture ma anche quelli popolari. Il feticcio per Atoche è quello che la società ha visivamente consumato e “divinizzato”, un mito con cui giocare e attorno al quale costruire nuove insolite cattedrali.

37. L’ASINO DI BURIDANO – Via Pantaniello

“L’Asino di Buridano” un asino affamato e assetato è accovacciato esattamente tra due mucchi di fieno con, vicino a ognuno, un secchio d’acqua, ma non c’è niente che lo determini ad andare da una parte piuttosto che dall’altra. Perciò, resta fermo e muore.
La sindrome di Buridano consiste nella nascita di un’indeterminatezza dei problemi e delle soluzioni che impedisce di assumere decisioni concretamente finalizzate al conseguimento di un effetto desiderato.
Superare questa sindrome non vuol dire eliminare i dubbi, che sono sempre un segno di attenzione critica al lavoro che si svolge, ma significa ridurre la casualità e il rischio che si collega ad attività delle quali non si è in grado di individuare gli sviluppi possibili. Non si può attendere che gli eventi procedano in un modo o nell’altro, occorre saperli indirizzare verso il conseguimento di risultati attesi e attendibili.