Vai alla barra degli strumenti

LAC Lugano Arte e Cultura

Lugano

LAC Lugano Arte e Cultura


Nuovo centro culturale della Città di Lugano, LAC Lugano Arte e Cultura nasce con lo scopo di valorizzare l’offerta culturale e artistica della città e della regione. Dotato di una sala concertistica e teatrale e di un museo, è il primo della regione concepito come tale.
L’edificio
Con un volume di 180’000 m3, l’imponente edificio sorge sul sedime dell’ex albergo Palace. Il punto di forza dell’architettura del LAC è la sua vicinanza con il lago. La hall (650 m2), da cui si accede al museo e alla sala teatrale e concertistica, è una grande finestra che rende il limite tra interno ed esterno appena percettibile.
Il Museo
Il Museo d’Arte della Svizzera italiana nasce dall’unione tra il Museo Cantonale d’Arte e il Museo d’Arte della Città di Lugano. 5 piani, 2500 m2 ideati per lasciare alle opere il ruolo di protagoniste, per indurre al silenzio e alla contemplazione. Un piano dedicato alla collezione permanente, i restanti 1820 m2 dedicati alle mostre temporanee. Con circa 600 m2, un solo piano del Museo al LAC ha la stessa superficie espositiva di tutta Villa Malpensata.
La sala teatrale e concertistica
800 m2, 1000 posti, una conchiglia acustica modulabile, una fossa orchestrale a scomparsa: ecco una sala concertistica che può diventare sala teatrale e ospitare ogni tipo di spettacolo, dai concerti sinfonici ai concerti jazz, dall’opera all’operetta, dalla danza al teatro di prosa. Grazie alla collaborazione tra l’architetto Ivano Gianola e la Müller BBM di Monaco (azienda leader nel campo dell’ingegneria) la sala teatrale e concertistica del LAC combina perfettamente estetica architettonica e qualità acustica. Da settembre 2015, il programma musicale del LAC è assicurato da Lugano Festival e quello teatrale da LuganoInScena.
Chiesa Santa Maria degli Angeli – Arch. Mario Botta
Progettata dall’architetto di fama mondiale Mario Botta, una meraviglia dell’architettura contemporanea, con i dipinti di Enzo Cucchi.
La visita alla chiesa è quasi d’obbligo, questa rocca possente sullo sperone della montagna oltre a proporre uno spazio di meditazione, diventa anche lo strumento per una nuova lettura del paesaggio.
La chiesa è dedicata a Santa Maria degli Angeli, costruita fra il 1992 e il 1996 presenta un carattere innovativo nell’ambito dell’ideazione di un edificio devozionale.
Realizzata in porfido, essa è ubicata al limitare di un pendio, oltre il quale si apre una straordinaria veduta panoramica.
L’intervento artistico affidato a Enzo Cucchi, occupa i due spazi principali: il soffitto della passerella, dove trova posto un lungo cipresso, e il cuore della Chiesa. L’abside di un azzurro intenso propone il tema delle mani in gesto offerente, integrate egualmente nello svolgimento nell’iconografia mariana, distribuita in ventidue formelle poste sopra le finestre.
Padre Giovanni Pozzi, cappuccino, insigne studioso delle forme della preghiera e della spiritualità, ha composto le ventidue litanie che Enzo Cucchi ha tradotto in segni suggestivi ed evocativi.
Possibilità di visite guidate I/D/E/F (solo su prenotazione)